1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO
 

La cultura gastronomica nipponica

Ultimo giorno nella meravigliosa Kyoto per il team che non perde tempo e si dedica, anche oggi, a scoprire e conoscere da vicino qualche nuovo aspetto della millenaria cultura nipponica.
Ovunque in questa città ci sono bellezze architettoniche e paesaggistiche da ammirare, per cui non è infrequente improvvisare soste quando, passando in macchina, si nota qualche scorcio particolarmente suggestivo, come ad esempio un’antica pagoda che si proietta in un cielo limpido.
Il primo appuntamento della giornata prevede la visita al Kano-shoju-an, una sorta di fattoria immersa nella campagna giapponese specializzata nella produzione artigianale di dolcini tradizionali. Qui le ragazze assistono alla curiosa preparazione dei mochi, le classiche palline di riso dalla consistenza gelatinosa. Inoltre, dopo aver fatto una passeggiata tra le stradine della tenuta, si cimentano nella creazione di dolcetti tipici a tema natalizio. Le Donnavventura accettano le sfide nelle arti più disparate!
Subito dopo, un altro rituale estremamente giapponese attende la squadra: è l’ora della cerimonia del the. In una stanza apposita, due eleganti signore preparano, con minuziosa attenzione ad ogni piccolo dettaglio, il the macha, da bere, in 3 o 4 sorsi, dopo aver mangiato un dolcetto di giornata. Tutto è preciso e niente viene lasciato al caso, dalla posizione della tazza alle modalità di utilizzo degli antichi strumenti.
Segue un pranzo, sempre secondo la tradizione, a base di Ohmi beef per poi continuare con gli appuntamenti in programma.
Il secondo riguarda la visita al Miho museum, luogo immerso nella natura ed evocativo di antiche leggende, progettato dall’architetto I.M. Pei, colui che ideò anche la piramide del Louvre. La collezione all’interno, unica nel suo genere, contiene capolavori che vanno dal Giappone, alla Cina, all’Egitto fino all’Europa.
Dopo quest’interessantissima tappa, le ragazze si dirigono alla Mifuku Sake brewery, storica casa di produzione del sake, nella quale vengono coniugati giro esplicativo sul procedimento di creazione della bevanda alcolica e degustazione della stessa, giusto per capire fino in fondo di cosa si sta parlando.
Dulcis in fundo, la tappa di Kyoto del team si conclude davvero nel migliore dei modi: una cena fenomenale nel ristorante di cucina fusion italo-giapponese 910 dello chef Yutaka Kudo. Cinque portate semplicemente per-fet-te. Nient’altro da aggiungere.
AM

 
Scroll