ATTENZIONE!

Per un corretto funzionamento, questo sito necessita del supporto
JavaScript attivato nel tuo browser!

English version

PARTECIPA | ACCEDI | FAQ

REGOLAMENTO SPEDIZIONE DONNAVVENTURA
La partecipazione alla spedizione “DONNAVVENTURA” è una scelta spontanea delle partecipanti.
Le aspiranti DONNAVVENTURA devono essere però pienamente consapevoli della tipologia “avventurosa” del viaggio e del suo scopo che, come è noto, è principalmente destinato alla realizzazione di un programma televisivo e di una serie di reportage fotografici – giornalistici.
Il buon esito della spedizione non può quindi prescindere dalla conoscenza, condivisione e dal rispetto delle regole di seguito descritte, relative in particolare alla vita di gruppo, al concetto di “team” e di “squadra operativa”.

1. La DONNAVVENTURA (in seguito DA) è tenuta a verificare la validità dei propri documenti personali (passaporto e patente validi per almeno un anno) che dovranno essere custoditi dalla stessa e portati con sé in ogni momento durante la spedizione e nelle escursioni effettuate (siano esse programmate o improvvisate).
2. Prima della partenza ogni DA sottoscrive una dichiarazione di assunzione di responsabilità, dopo aver letto il presente regolamento e aver ricevuto dall’organizzatore tutte le informazioni, con particolare riferimento alle difficoltà e ai rischi che un viaggio di avventura nel mondo comporta.
3. A questo proposito l’organizzazione prevede la stipula di polizze assicurative (di cui è possibile richiedere copia in visione) a nome delle DA con compagnie di assicurazione convenzionate e consiglia comunque alle DA la sottoscrizione di polizze assicurative integrative.
4. Nel corso della Spedizione le DA dovranno affrontare situazioni particolarmente impegnative e pericolose, spesso in condizioni climatiche ostili e quindi le DA dovranno garantire all’organizzatore di essere in uno stato di salute psichico e fisico idoneo : questa è una condizione imprescindibile per poter partecipare alla spedizione e, pertanto, è richiesto prima della partenza un certificato medico che confermi l’ottimo stato di salute ed escluda qualsiasi allergia e/o intolleranza, dovendosi la partecipante adattare alla vita di gruppo, alle abitudini alimentari e all’ambiente del luogo di destinazione.
5. In particolare le DA prima della partenza dovranno effettuare tutte le vaccinazioni necessarie e le profilassi suggerite dall’ufficio di igiene italiano per i paesi che saranno raggiunti dalla spedizione. Sarà necessario portare con sé il libretto sanitario nonché attestazione del gruppo sanguigno di appartenenza. Anche in questo caso le DA devono essere consapevoli dei rischi sanitari cui possono andare incontro.
6. L’evento è finalizzato alla realizzazione di immagini video, anche sotto forma di “reality” e immagini fotografiche, che verranno utilizzate dall’organizzatore Sanmarco e/o da suoi sponsor e/o partner (vedi dettaglio sul sito www.donnavventura.com) per programmi televisivi, reportage giornalistici ed altre iniziative connesse al format Donnavventura.
7. Ogni DA sarà la reporter di riferimento di più testate giornalistiche e/o radiofoniche. In detto ruolo di reporter, ogni DA dovrà pertanto quotidianamente:
a. catturare immagini fotografiche e video seguendo le indicazioni del capo spedizione
b. occuparsi della selezione fotografica del giorno
c. occuparsi della selezione dei video realizzati durante la giornata (medialog)
d. partecipare alla stesura del diario ufficiale di viaggio
e. raccogliere le informazioni logistiche, km, carburante, consumi, località attraversate
f. informarsi, a fine giornata, sulle particolarità della tappa successiva consultandone guida e mappe
g. raccogliere le notizie e le informazioni relative alla tappa da raccontare davanti alla telecamera;
8. Ogni DA dovrà settimanalmente:
a. redigere il proprio reportage di viaggio
b. redigere reportage a tema segnalati dal capo spedizione (il reportage settimanale potrà essere inviato dal capo spedizione alla redazione, per la divulgazione senza limitazione alcuna)
9. Ogni DA dovrà mensilmente
a. redigere un nuovo reportage di viaggio (diverso dai settimanali)
10.La partecipazione a DA è riservata in ogni caso a chi non possiede il titolo di giornalista professionista o pubblicista. Pertanto sin dalla fase di selezione finale la candidata dovrà dichiarare all’organizzatore se sia in possesso di tale qualifica. Il titolo di giornalista pubblicista professionista anche se ottenuto o scoperto nel corso della spedizione comporta l’immediata espulsione dall’evento.
11. Ogni DA indicherà un proprio recapito telefonico sin dalle selezioni svolte in Italia: la redazione di Donnavventura potrà comunicare tale recapito ai giornalisti che ne facessero richiesta per effettuare interviste e/o richiedere informazioni direttamente alla DA.
12. Dopo l’evento di selezione finale Donnavventura organizzerà una settimana di training a seguito della quale l’organizzazione si riserva di fornire l’elenco ufficiale delle partecipanti e l’ordine di partenza.
13. La spedizione parte da un aeroporto italiano; Milano o Roma. le DA dovranno arrivare all’aeroporto con mezzi propri, con assunzione delle relative spese.
14. Le DA riceveranno, alla partenza, una dotazione di bagagli, abbigliamento ed accessori che dovranno essere utilizzati per tutta la durata della spedizione: la dotazione dovrà essere restituita entro e non oltre 10 giorni dal rientro in Italia.
15. Vengono inoltre affidate alle DA attrezzature tecniche quali: notebook, navigatore gps, apparecchiature video e fotografiche, radio, pile, lampada frontale… ecc delle quali le DA dovranno apprendere utilizzo e funzioni prima della partenza. Durante il viaggio le DA dovranno avere massima cura delle attrezzature, rispondendo in proprio di eventuali danni recati alle stesse.
16. Di norma, all’aeroporto di partenza in Italia vengono ritirati i telefoni portatili personali e consegnati al capo spedizione che ne avrà cura durante la spedizione. Il telefono cellulare personale sarà consegnato alla DA una volta al mese (la prima volta dopo un mese dall’inizio della spedizione) per quindici minuti e davanti alle telecamere: i contenuti della telefonata potranno essere registrati e diffusi attraverso i mezzi di comunicazione audio e video.
17. E’ assolutamente vietato l’uso del telefono e di internet per tutta la durata della spedizione salvo nei momenti ufficialmente annunciati dal capo spedizione comunque davanti alle telecamere. (L’eventuale violazione del divieto potrà comportare il rimpatrio immediato ad insindacabile giudizio del capo spedizione).
18. E’ assolutamente vietato ricevere telefonate (negli alberghi o … in qualsiasi caso). Il capo spedizione è quotidianamente in contatto con l’Italia e comunque reperibile ogni 48 ore (massimo 60 ore) per segnalazioni d’emergenza e per i parenti più stretti sarà a disposizione 24 h su 24 un numero telefonico indicato e comunicato dalla redazione.
19. Il bagaglio contiene una dotazione di abbigliamento DONNAVVENTURA: le DA dovranno rispettare la regola della divisa, cioè dell’uniformità della squadra, come quotidianamente comunicato dal capo spedizione.
20. E’ previsto un bagaglio leggero che dovrà contenere il necessario per alcuni giorni, spesso non è previsto il trasferimento dal veicolo dell’intero bagaglio personale per il pernottamento.
21. E’ assolutamente vietato l’uso di equipaggiamenti personali: quali borse, calzature, foulard, calze (neanche per la notte!), che siano sponsorizzate o che rechino marchi diversi da quelli autorizzati dall’organizzazione.
22. In particolare, non potranno essere utilizzati occhiali da sole o da vista diversi da quelli forniti dall’organizzazione.
23. Non potranno essere utilizzati orologi da polso se non quelli forniti dall’organizzazione.
24. Non potranno essere utilizzati ciondoli, pendenti o gioielli se non quelli forniti dall’organizzazione.
25. E vietato l’uso di orecchini e di piercing.
26. Si raccomanda la massima puntualità ed il tassativo rispetto degli orari previsti durante le 24 ore: non sono previste giornate o momenti di riposo, se non eccezionalmente concordati con il capo spedizione.
27. Colazione, pranzo e cena, saranno organizzati dal capo spedizione anche nelle scelta del menù che sarà uniforme per tutto il team. Non è possibile esaudire richieste di variazioni alimentari. Le DA pertanto, prima della partenza, dovranno dichiarare di non essere affette da alcuna forma di allergia o intolleranza alimentare.
28. In viaggio, quotidianamente, non si consumano snack ne altro cibo.
29. E’ assolutamente vietato durante la spedizione l’uso di bevande alcoliche e superalcoliche: vino e birra potranno essere eccezionalmente autorizzati dal capo spedizione, ma raramente e solo la sera purché non sia prevista la guida nelle ore successive.
30. Nel caso di pranzi o cene con giornalisti o altri ospiti i posti a sedere saranno decisi dal capo spedizione, comunque le DA alternate tra gli ospiti.
31. L’uso della radio ricetrasmittente è da ritenersi assolutamente limitata all’utilizzo per finalità di sicurezza della spedizione e pertanto ne è vietato qualsiasi abuso. La radio non potrà mai essere utilizzata quando si è alla guida: in caso di chiamata dovrà rispondere la navigatrice. La radio veicolare dovrà essere assolutamente sempre accesa quando si è a bordo del veicolo. Fuori dal veicolo dovrà sempre essere accesa una delle due radio portatili in dotazione.
32. E’ molto importante che ciascuna DA provveda quotidianamente alla ricarica delle batterie di tutte le attrezzature in dotazione. Non si ammettono scuse di alcune genere.
33. Si raccomanda la massima cura dei veicoli della spedizione, ivi compresa l’ordinaria pulizia interna e la manutenzione degli stessi.
34. Si raccomanda la massima pulizia e ordine all’interno dei pick-up. Ogni giorno, al termine della tappa, l’equipaggio si occuperà di pulire e riordinare il veicolo utilizzato quella giornata. L’equipaggio, ufficialmente abbinato al veicolo, anche se non lo utilizzasse quel giorno, dovrà quotidianamente controllarne l’efficienza, l’ordine, la pulizia, il fissaggio del carico posteriore, della bagagliera sul tetto, della pressione delle ruote, dei livelli (olio, acqua, ecc.), del filtro dell’aria e di tutte le dotazioni previste, segnalando al capo spedizione ogni anomalia.
35. Sono previsti turni di guida e rotazioni nei pernottamenti, secondo quanto verrà comunicato quotidianamente dal capo spedizione.
36. Durante la guida è obbligatorio l’uso delle cinture di sicurezza – sempre! Bisognerà rispettare le regole di guida in convoglio (A-B-C-D) quindi mantenendo l’equidistanza ed i fari sempre accesi. Sarà cura delle DA controllare durante la guida il livello del carburante e segnalare immediatamente al capo spedizione qualsiasi anomalia del veicolo, spie o altro. Non ci si potrà mai allontanare dal convoglio e tanto meno utilizzare il veicolo in solitaria se non in stretto coordinamento con il capo spedizione.
37. Eventuali danni dovuti a distrazione saranno a carico della DA responsabile.
38. Fin dalla partenza ogni DA è consapevole che sarà vietato fumare per tutta la durata della spedizione.
39. Ogni DA riceverà quotidianamente le incombenze della giornata dal capo spedizione, nonché l’attività serale al computer .
40. Saranno previsti più briefing durante la giornata per la comunicazione dei compiti e per l’aggiornamento degli stessi.
41. Il rispetto delle attività sopra indicate è condizione imprescindibile per la prosecuzione del viaggio: il ritardo, la mancata consegna, la predisposizione di materiale inidoneo può comportare l’espulsione immediata dalla spedizione ad insindacabile giudizio del capo spedizione. Qualsiasi inadempienza ad uno solo dei punti sopraccitati prevede il rimpatrio e la sostituzione nei tempi organizzativi.
42. Qualora una DA si rendesse conto durante la spedizione di non riuscire a rispettare il presente regolamento e/o le attività previste dovrà comunicarlo al capo spedizione che organizzerà il rimpatrio e la sostituzione nei tempi organizzativi necessari.
43. Il Regolamento prevede infatti, oltre alla possibilità di esclusione in caso di inadempimento al presente Regolamento, la facoltà di ritirarsi nel corso della spedizione.
44. L’Organizzazione effettuerà una selezione delle “candidate riserve”, che potranno essere chiamate a sostituire le eventuali partecipanti espulse o ritirate.
45. Le “candidate riserve” sono consapevoli che la partenza per la spedizione, essendo solo eventuale e senza preavviso, è subordinata al rispetto da parte delle stesse della profilassi e delle procedure prevista per la spedizione.
46. In ogni caso, le “candidate riserve” sono consapevoli che non esiste una graduatoria e che l’Organizzazione potrà, a suo insindacabile giudizio, scegliere la sostituta tra le “candidate riserve” e le veterane protagoniste delle passate edizioni.
47. Durante tutta la spedizione saranno a cura dell’organizzazione tutte le spese di viaggio, vitto e alloggio.