1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

CONDIVIDI

 

DA ABU DHABI A PARIGI

Abu-Dhabi. Sono le 05.30 e il suono della sveglia rimbomba nelle stanze delle ragazze, che veloci mettono fuori i loro sacconi, pronte per partire. Direzione: Parigi!
Salutano così il lussuoso Viceroy e caricati i bagagli sul van, si dirigono verso l’aeroporto di Abu Dhabi. Fatto il check-in e imboccato il gate, ecco che il team sceglie Brioches Dorèe per fare colazione e tra brioches salate e dolci e la frutta di Paola e Vale, trovano le forze per affrontare questo ultimo volo prima di raggiungere l’Europa. Sono solo quattro le ore che spettano alle ragazze per raggiungere Parigi e tra un sonnellino e un film, non dimenticando di finire il lavoro al computer, il tempo vola. Ore 14.00 locali, le ragazze finalmente atterrano, stanche e spossate, ma l’aria di Parigi regala loro un’energia positiva. La novità di questa tappa è l’insolita location che farà da campo base per questa settimana parigina: Sweet Inn. Delle suite-appartamento nel cuore di Parigi che regaleranno alle ragazze la sensazione di una vera famiglia che vive insieme. Tant’è che subito dopo aver appoggiato i bagagli si dirigono verso il primo supermercato sotto casa per acquistare le cose necessarie per la colazione dell’indomani. Un vero e proprio cambiamento per le ragazze: da hotel a 5 stelle di lusso alla spesa nel bazar: Donnavventura quest’anno vuole proprio che le ragazze si adattino a tutto. Arrivata l’ora di cena, ecco che sotto casa scoprono Le Pain Quotidien, famoso bakery-restaurant olandese che offre molti prodotti fatti in casa dal pane alle marmellate, ai prodotti biologici: ce n’è davvero per tutti i gusti. Per le Donnavventura la giornata è stata davvero lunga quindi non resta altro che andare a letto e recuperare tutte le ore di sonno che tra jet leg e lavoro hanno perso, pronte però ad andare alla scoperta della romantica Parigi.
Milano, tre veterane. Ecco nuovamente fuori dalla redazione un pick-up giallo e bianco targato Donnavventura. Eccole: Ana, Chiara e Michela, sono pronte, armate di cappello e marsupio, per questa nuova avventura: raggiungeranno, infatti, alla guida del solito pick-up, il resto della squadra proveniente da Abu-Dhabi, dandosi appuntamento a Parigi. Bagagli caricati, ecco che il mini team è pronto per salutare per quaranta giorni l’Italia e ricongiungersi con la grande squadra. La tratta prevede parecchi chilometri, pertanto le ragazze si danno il cambio alla guida, dirigendosi verso Aosta, passando il traforo del Monte Bianco per poi decidere di fare una sosta a Ginevra, il cui tratto distintivo è sicuramente il grande lago che attira a sé numerosi turisti. Definita in molti modi, dalla Città della Pace, alla piccola Parigi della Svizzera, Ginevra è sicuramente una meta che le ragazze non potevano perdersi nel loro viaggio in direzione della capitale francese. Come dice Michela, oltre al grande lago che impreziosisce il paesaggio ginevrino, uno dei monumenti di rilievo della città è la grande Cattedrale di Saint-Pierre, che sorge sul punto più alto e antico della Ville, di rito protestante. Chiara spiega poi che, da quando durante il Novecento la città fu scelta come sede di importanti organizzazioni internazionali, ha assunto un carattere decisamente cosmopolita: sono tanti gli stranieri che risiedono in città ai quali si aggiungono i frontalieri provenienti dalla Francia. Le ragazze si preparano a salutare questa bella città di lago, pronte per ripartire con il loro L200: Parigi le aspetta! Ancora circa 500 km le separano dalla Ville Lumière e dal resto del gruppo; con un po’ di fatica legata al traffico, le veterane raggiungono la capitale prima di sera e salutano calorosamente le compagne arrivate dall’Oriente.

Valentina e Michela

 
Scroll