1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

03/10/2018 - QUATTRO GIORNI DI STANDBY

Viaggiando succedono cose, s’incontrano persone, si entra in contatto con situazioni particolari e le si vivono, con risvolti ed implicazioni inattese.
È forse proprio questo il bello del viaggiare, l’imprevedibile.
Noi Donnavventura sempre dal nostro campo base di Atene eravamo pronte a salpare direzione Creta ! ma l’universo non ha voluto così… siamo state bloccate da una serie di catastrofi atmosferiche!
Ebbene sì, siamo donne pronte a tutto ma non ovviamente ad andare contro la forza della natura!
Qualche giorno prima del nostro ipotetico arrivo a Creta una forte scossa di terremoto si è verificata sulla costa dell’isola e subito dopo è scattata l’allerta meteo per un aggravarsi della situazione atmosferica con addirittura la conseguente sospensione dei collegamenti navali.
Nel centro di Atene, quale ci trovavamo, già da diversi giorni soffiavano forti venti ed intelligentemente il nostro capo spedizione ci comunicò la decisone di un rientro imminente del team in Italia per qualche giorno.
A causa dell’impossibilità del funzionamento degli svariati traghetti, ci toccò aspettare qualche giorni prima di trovare un volo di rientro.
Non mi sembrava vero! Il primo volo che prendo in questa spedizione e la destinazione è MILANO? Ci veniva quasi da ridere! Ma ovviamente non abbiamo esitato e sbalordite accettammo ovviamente la giusta decisione!
Un avvenimento del genere non è mai successo in trenta anni di Donnavventura, e se all’inizio non ne eravamo entusiaste ,personalmente mi sentivo un po’ dispiaciuta di “bloccare” la scoperta della Grecia, con il senno di poi non è stato niente male avere qualche giornata libera a casa, anzi da un problema è nata un’opportunità.
Per prima cosa è stato molto emozionante riabbracciare le persone a me care ma soprattutto potermi fare una bella lavatrice e una ceretta!!! (molte Donnavventura capiranno)
Ricaricato le energie, bagaglio in ordine e restaurata dopo 38 giorni di spedizione, e qualche giorno in stand-by mi sento prontissima nel finire la scoperta della Grecia, a volta delle Isole Cicladi, tra cui la mia tanto sognata ed attesa Santorini, non vedo l’ora di andarci e di riscrivere poi un reportage su di essa!
Chissà ora cosa ci aspetta… so solo che il procedere sempre in linea retta annoia, sono le curve a rendere incantevoli certe strade… proprio quelle che piacciono a noi Donnavventura!






Scroll