1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

CONDIVIDI

03/10/2016 - CIAO ABU DHABI

Ci vogliono almeno due settimane per lasciare Abu Dhabi senza la malinconia di essersi perse qualcosa che davvero valeva la pena di essere visto e vissuto. In questa mia seconda settimana in veste di Donnavventura e soprattutto alla vigilia di una nuova partenza, posso dire di non aver provato alcun rimpianto ma anzi di aver visitato ed esplorato orizzonti sempre più inconsueti e diversificati della capitale emiratina e dei suoi dintorni.
L’Emirato di Abu Dhabi è infatti il più grande del paese e si estende su oltre due terzi del territorio unificato, vantando il secondo deserto di sabbia più esteso al mondo, il Rub al Khali, detto anche il “quarto vuoto”, l’oasi di Al Ain, città natale dello Sceicco Zayed, famoso centro per la coltivazione di palme e importantissimo snodo commerciale per la compravendita di cammelli, ma soprattutto le quasi 200 isole sparse lungo tutte le sue coste.
Menzionando proprio queste islands, non può non essere ricordata la celebre isola Saadiyat che, oltre ad essere sede di un importantissimo polo culturale ancora in costruzione - saranno qui ubicati lo Zayed National Museum e il Louvre e Guggenheim Abu Dhabi Museum - offre spiagge bianchissime, stabilimenti balneari attrezzatissimi ma soprattutto il rinomato Saadiyat Beach Golf Club. Giocare a golf è stata per me un’esperienza nuova e divertente, ho cercato di improvvisare uno “ swing” da golfista nel più totale relax, godendo dello straordinario panorama sull’oceano visto dai campi da gioco.
Un’altra isola che porterò sempre nel cuore è sicuramente Sir Bani Yas Island. In questo paradiso incontaminato, a circa 240 km da Abu Dhabi, si trova uno speciale parco naturale con oltre 10 mila animali: orici arabi, gazzelle, giraffe, iene e ghepardi. L’isola offre inoltre soggiorni da sogno in esclusivi resort, come il rinomato Anantara Resort e una moltitudine di escursioni e attività all’aria aperta, dall’equitazione, ai kayak ma soprattutto la possibilità di vivere l’esperienza del safari. All’alba, a bordo dei fuoristrada, ho avuto il brivido di esplorare la natura nei suoi aspetti più wild: ho potuto osservare a pochi metri di distanza un ghepardo in procinto di sbranare la sua preda !!!
Ultima solo per ordine ma non per merito è Yas Island, celebre per il circuito di Formula 1 costruito nel 2007, per il particolarissimo Hotel Yas Viceroy, costruito a cavallo della pista ma anche il divertente e adrenalinico Water Park, attrazione perfetta per giovani e famiglie.
A coronamento di queste due settimane ad Abu Dhabi, ho avuto inoltre il piacere di alloggiare presso il lussuosissimo Emirates Palace, fiore all’occhiello della città, considerato uno tra gli alberghi più esclusivi al mondo… Che dire, come non rimanere colpiti dinanzi a tante bellezze naturalistiche e architettoniche!!!

SAVERIA




Scroll