1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

CONDIVIDI

08/10/2016 - IL MIO RITORNO A DONNAVVENTURA

Due anni fa ero già immersa nella spedizione con un team capitanato dalle due veterane Ana e Michela, ora invece sono sola su questo aereo, direzione: Abu Dhabi.
Con me un biglietto, due bagagli e un nuovo ruolo, quello della veterana. Non mi sembra vero, ma Donnavventura non smetterà mai di sorprendermi e il capo spedizione ancor di più avendomi affidato questo incarico, e riponendo questa fiducia in me.
Sono emozionata, felice e spero di non deludere le aspettative di nessuno; il team è in viaggio da oltre venti giorni ed io arriverò a sostituire Ana…. Compito non facile, in primis perché Ana non è solo una veterana, ma la DONNAVVENTURA con la D maiuscola, la figura di riferimento di questo programma, colei che da otto anni porta avanti le spedizioni con professionalità e carisma.
Che onore e che responsabilità ragazzi… devo ammettere che se due anni fa mi avessero raccontato tutto questo probabilmente non ci avrei creduto. E invece eccomi qui seduta su questo aereo dell’Etihad pronta a raggiungere quelle che saranno le mie nuove compagne d’avventura. Cosa dire di me?
Donnavventura ha rappresentato tanto, innanzitutto perché prima ero abituata a viaggiare da sola con i miei tempi e i miei ritmi, e viaggiare in team mi ha insegnato ad ascoltare molto ed osservare ancora di più, a concordare con le ragazze ogni scelta e ad ottimizzare ogni situazione.
…. La prima spedizione, il Raid dell’Oceano Atlantico, km e km macinati con i pick up, magliette e calzini stesi in macchina ad asciugare, diari di bordo con scritte e disegni, scoperte ogni giorno nuove, sapori che diventano a poco a poco familiari e che una volta tornate a casa ti faranno sentire un po’ di nostalgia.
Essere una Donnavventura significa soprattutto avere la capacità di sentirsi parte di una nuova famiglia, persone che fino al giorno prima non conoscevi e che improvvisamente entrano a far parte della tua vita, con le quali condividi le gioie e i momenti talvolta difficili che un viaggio lungo oltre 100 giorni può comportare.
Sono tante le emozioni che provo ora, ma gli occhi sono sempre spalancati e il cuore ancora di più e queste ore in volo mi servono a realizzare quello che a breve diventerà la mia nuova realtà.
Emirati Arabi per due giorni e poi subito alla scoperta dell’Oriente: Bangkok sarà la prima tappa di questa incredibile avventura ed io non vedo l’ora di tuffarmici a capofitto.
È impressionante come la vita può sorprenderci se lasciamo che le cose accadano; in due anni sono successe così tante cose, la prima spedizione, la tanto attesa laurea in Lettere e…. un figlio! Già perché ora nella mia vita c’è Edoardo, il mio sole, un bimbo di quasi un anno, concepito subito dopo essere tornata dal viaggio con il Team.
E una volta tornata a casa, guardare il programma in sua compagnia sarà un’emozione ancor più grande perché sarò orgogliosa di mostrargli cosa una donna, (la sua mamma) può fare in giro per il mondo in compagnia di un gruppo affiatato e organizzato come quello delle Donnavventura.
Allora via con questo vortice di emozioni… pronta ad affrontare nuove sfide, impegnandomi e faticando, ma sempre con la volontà di imparare e fare del mio meglio… e visto che la Thailandia è la terra del Sorriso, non posso non stamparmi sul volto l’espressione più felice che io conosca.


LORENA

Scroll