1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

15/12/2018 - CURIOSITA' GIAPPONESI

Partiamo subito dal presupposto che parlare di una sola curiosità è impossibile, non ero mai stata in un paese così innovativo e così diverso dal nostro.
Qui davvero si trova di tutto e devo dire che i giapponesi con le invenzioni ci sanno proprio fare.
Una cosa che in Italia non sopporto è quando di notte mi sveglio per andare al bagno d’inverno, il water è congelato e in un secondo perdo tutto il calore che ho accumulato sotto il piumone, ma non c’è da preoccuparsi perché qui la tavoletta del gabinetto è riscaldata e concilia anche fuori dal letto il sonno.
Se si è in autogrill poi, e si vuole un po’ di privacy per fare i propri bisogni in pace, anche per questo qui c’è una soluzione, basta premere un pulsante e via che parte un dolce suono che ricorda una cascata.
Per non parlare di tutti gli altri pulsanti che spuzzano acqua in ogni dove.
Le prime volte è stato complicato anche capire come si tirava lo sciacquone.
Passiamo poi ai taxi che in automatico aprono e chiudono le proprie portiere, non potevo credere ai miei occhi la prima volta; per non parlare del pavimento che in alcuni casi è riscaldato e ti fa sentire la persona più felice del mondo non appena togli le scarpe per entrare in qualche posto.
Insomma mi sono sentita Alice nel paese delle meraviglie in Giappone o ancora meglio, Annabruna nel fantastico mondo di Donnavventura.
Le due cose che però, senza ombra di dubbio ho preferito, sono state lo specchio del bagno che quando ti fai la doccia (se si fa come me che ci si lava a ottanta gradi e si appanna anche l’inappannabile) magicamente nella nebbia totale lascia un fantastico cerchio limpido ad altezza viso che ricorda il Blue Hole in Belize.
E i super fantastici giappidini, rinominati da noi così per via dell’unione tra scaldini e giapponesi…ebbene si, sto parlando di piccoli cuscinetti con una pulverina magica dentro che se vengono un po’ sbattuti diventano bollenti come un brodo e tengono quella temperatura anche per 48 ore.
Motivo per cui nel mio bagaglio che tra qualche giorno rientrerà nella gelida Chieti ce ne sono giusto un paio.
Una terra fantastica e sorprendente che ti lascia senza parole giorno dopo giorno.
Ho passato qui sicuramente il mesetto più stravagante di sempre.


Scroll