AITRRICOLASHISEIDO1A CLASSE - ALVIERO MARTINITOURING CLUB ITALIANOBFGoodrichJEEPMASTERCARDESERCITO ITALIANO
 

Finolhu

Per le reporter una domenica raggiante in quel di Finolhu. Appena sveglie lungo il pontile hanno avvistato un piccolo squaletto che sono riuscite velocemente a immortalare. La colazione è stata ottima e con una grande varietà, dal dolce al salato, tutto rigorosamente internazionale. Un van azzurro turchese vicino alla spiaggia incuriosisce le ragazze e Annamaria propone un giro dell’isola, mentre Marianna si candida come driver. L’atmosfera nell’isola è molto friendly e con qualche chicca hippie, con dettagli che fanno sognare ad occhi aperti. Durante la mattinata le reporter si sono recate nel punto dell’isola in cui è possibile fare un po’ di sport acquatici, oggi una rilassante veleggiata in catamarano cullate da piccole onde. Francesca annuncia la partenza. Il sole è alto su di loro e attorno ad abbracciarle l’Oceano Indiano…lo scenario è impressionante! Non troppo distanti, un simpatico gruppo di ospiti del resort provenienti dal Brasile. Terminata questa navigata hanno deciso di andare a fare snorkelling alla scoperta di qualche nuovo curioso pesciolino. In profondità sono riuscite a vedere diverse specie marine che sono riuscite a immortalare con la loro gopro e improvvisare qualche acrobazia nei fondali dell’Oceano…delle vere sirenette ! Per pranzo una piccola imbarcazione le ha portate all’estremità della lunga lingua di sabbia, precisamente al “Fish & Crab” Restaurant, dove hanno gustato una squisita tartare di tonno con avocado e mizuna, ovvero delle spezie maldiviane molto saporite e per secondo, il pescato del giorno e un bel pollo arrosto con un’insalatina a base di mele e noci. Un pranzo domenicale per le Donnavventura con vista Oceano! Anche il pomeriggio non è stato da meno, hanno passato le ultime ore della giornata in un luogo molto esclusivo nella super villa del resort con una piscina a picco sul mare che taglia l’orizzonte. Una buona tisana fresca per rigenerarsi e tuffi a non finire.
Stephanie

 
Scroll