1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

CONDIVIDI

03/10/2016 - CIAO ABU DHABI

Ad Abu Dhabi con il cappello son arrivata,
in una città che mai mi sarei aspettata.
Con due settimane per andare all’avventura,
lì dove pensavo ci fosse tutt’altro che natura.
Solo grattacieli e palazzi a specchio mi ero immaginata,
con una downtown di skyscrapers tutta illuminata.
Ma l’Emirato è molto più grande di ciò che si può pensare,
bisogna allargare i propri orizzonti e spaziare fino al mare;
passando per il deserto e le oasi incontaminate,
osservando i tramonti e dei cammelli le passeggiate;
i datteri sono stati in passato un commercio importante,
ma è grazie al petrolio che Abu Dhabi ha fatto passi da gigante;
pescatori di perle e palmeti sono ormai un ricordo lontano,
anche se tengono in vita le tradizioni, per averle a portata di mano.
Per non dimenticare le origini di questa città,
che nel corso degli ultimi decenni ha acquistato notorietà,
per il suo stile di vita lussuoso e sofisticato,
per il suo vasto territorio diversificato;
E’ infatti il primo emirato per estensione,
e anche il secondo per numero di persone.
Da più di duecento isole esso è composto,
una di queste ha un tesoro nascosto;
giraffe e antilopi si aggirano indisturbate,
gazzelle e dik dik si prendono a cornate,
esiste davvero e Sir Bani Yas Island è il suo nome,
una perfetta savana, ma non chiedetemi come;
un’isola che dall’Africa sembra esser stata portata,
in realtà in parte proprio da li è arrivata,
le giraffe infatti erano poche all’inizio
e si son moltiplicate prima del solstizio;
come regalo al “Padre della Patria” son state donate,
così eleganti, sinuose, belle, e aggraziate;
un presidente africano in visita è venuto,
e ha deciso di lasciare molto più di un saluto;
affinché tutti potessero di questo spettacolo godere,
Zayed decise di aprire al pubblico il suo “podere”.
E’ così che Abu Dhabi diventa ancor più affascinante,
perché ci sono tante cose a renderla intrigante;
un mix di storia, arte e cultura,
insieme a spiagge, mare e natura.
Anche acque azzurre e mare cristallino abbiam trovato,
si trova a Nurai Island questo paradiso incontaminato.
Quando per questa spedizione son partita,
due settimane qui mi sembravano in salita;
pensavo non ci fosse così tanto da vedere,
ignoravo tutto quanto ci fosse da sapere.
Ed invece Abu Dhabi è stata una scoperta vera,
che mi ha lasciato senza fiato da mattina a sera.
Quindi grazie Abu Dhabi per ciò che mi hai dato,
tanti spunti e bellezza mi hai regalato,
sicuramente un giorno presto ci tornerò,
così ancora una volta mi sorprenderò.
Che questa sia ora una vera promessa,
una piccola sfida soprattutto con me stessa,
in modo che io possa molto presto davvero tonare,
e dalla tua magia ancora una volta farmi incantare.

ANA

Scroll