1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRETHIOPIAN AIRLINESTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

03/09/2017 - Arrivo a Milano

E dopo un mese e mezzo di pure e spensierate vacanze trascorse nella mia meravigliosa Sicilia, intervallate da uno strepitoso road-trip in moto nelle bellissime coste delle maldive… ops… del salento volevo dire, eccomi di nuovo nella gelida Milano. Questa volta, però, come unico e solo punto di partenza verso quella stupefacente esperienza chiamata DONNAVVENTURA. Appuntamento per le 14.30 in Redazione, già avevo l’ansia per la super puntualità di Mauri, lungi da me farlo già arrabbiare =). Ci ritroviamo finalmente tutte insieme, dopo due settimane che non ci vedevamo. L’ultimo incontro era avvenuto a Desenzano del Garda, dove la nostra super pr Felicitas aveva organizzato un party.
Tornando ad oggi, dopo aver salutato, chi di presenza chi via telefono, familiari, fidanzati ed amici vari ed eventuali, ci dirigiamo verso lo stanzino delle meraviglie, dove Mauri insieme a Dani iniziano a consegnarci tutte le dotazioni necessarie per affrontare al meglio questa nuova avventura. Zainetti da portare sempre dietro conteneti: hard disk ( Dio mi salvi se dovessi perderlo perché potrei trovarmi abbandonata tra i Masai), agendina sulla quale appuntare tutto ciò che ci passa per la testa, penna… fondamentale, e poi tovagliette per pulire le lenti dei nostri occhiali e degli obiettivi delle telecamere, penna usb ed occhiali da sole.
Fondamentale anche il marsupio, molto vintage, ma stra comodo! Già dopo un giorno credo di non poter più vivere senza ( amici non uccidetemi)! Ultimo ma non ultimo, il momento della divisione del mega bagaglio, un borsone Alviero Martini Prima Classe gigantesco e, per ovvi motivi, pesante quanto un rinoceronte. Peccato che, per scoprire quello che nasconde al suo interno, dovrò aspettare di arrivare in hotel.
Fatto questo, facciamo qualche scatto giù al Nu Hotel, bellissimo hotel dallo stile minimale giapponese nel quale alloggeremo per due notti, prima di prendere letteralmente il volo verso l’Africa. Ci smistano nelle stanze e, me ne vogliano le altre, ma ero strafelice di essere capitata con Chiara. Come si evince dalle pagine precedenti del diario, tra di noi era scattato subito un feeling particolare…Tra noi tutte iniziamo subito a chiederci le sensazioni che stiamo provando, è tutto strano, tutto nuovo e tutto diverso da quello a cui eravamo abituate fino ad un paio d’ore prima. C’è chi è felicissima di lasciare tutto e tutti e staccare per tre mesi, chi un po’ meno ma ha una grinta tale da potercela fare, sono solo sensazioni passeggere dettate dalla novità della situazione.
Sistemiamo tutto in camera, e, dopo una doccetta veloce, andiamo a cena accanto all’hotel. Pollo allo spiedo e birretta fredda (unica concessione solo perché siamo ancora a Milano) e poi subito di nuovo in camera perché domani la sveglia suonerà molto presto.
Abbiamo ancora da dividerci solo l’intimo, gentilmente offertoci da Tezenis, e, dopo svariate lotte per aggiudicarci il pigiama più mielosamente dolce, ci rinchiudiamo in camera, dove finalmente apriamo il borsone per scoprirne tutte le meraviglie situate al suo interno.
Prima di mezzanotte, siamo già nel mondo dei sogni. Pronte per la sveglia all’alba di domattina.

Scroll