1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

CONDIVIDI

04/10/2016 - LE REGOLE DI DONNAVVENTURA

Far parte del team di Donnavventura come per ogni squadra comporta delle regole ben precise. Sin da La Thuile -in occasione delle selezioni delle dieci fortunate finaliste- a tutte le aspiranti Donnavventura è stato esaustivamente spiegato il format del programma.
Chi ambisce a diventare una Donnavventura deve innanzitutto comprendere che bisogna intendere la spedizione non come una vacanza ma bensì come un periodo formativo e istruttivo. Sin dalla partenza viene assegnato a ciascuna ragazza un borsone con tot vestiti e tot effetti personali: qualsiasi indumento, orologio, gioiello o gadget non deve essere assolutamente smarrito o danneggiato. In particolar modo non si deve mai perdere il cappello di Alviero Martini: è segno distintivo di una Donnavventura e la sua mancanza comporta l’eliminazione della partecipante dalla spedizione. Oltre al borsone, a ciascuna Donnavventura viene consegnato un marsupio geo, nel quale devono essere sempre presenti i seguenti oggetti: passaporto e patente (tassativamente), coltellino ferrino ( N.B. non durante gli spostamenti in aeroporto), una pezzuola per pulire lenti e obiettivi, penna e taccuino. Ogni ragazza riceve infine uno zaino geo. Nello zaino è presente tutta la strumentazione utile durante la spedizione: un pc mac, con il suo caricatore, un hard disk esterno con relativi cavi, la slitta per leggere e traferire le card delle macchine fotografiche al computer, la radio e il suo carica batterie. Obbligatorio è prendersi cura della manutenzione dei suddetti supporti tecnologici con relative custodie ( dall’accorta pulizia al coretto arrotolamento dei cavi). Nello zaino sono inoltre presenti aggiornate guide turistiche che ogni Donnavventura deve leggere e studiare in base alla tappa della spedizione, facendole poi circolare all’interno del gruppo. Raccomandabile è averle sempre con sé anche durante il giorno.
Dalle dotazioni si passa ora alle mansioni di una Donnavventura. Requisito imprescindibile per poter svolgere al meglio ogni attività giornaliera è innanzitutto la puntualità: non sono ammessi ritardi, posticipare anche solo di pochi minuti un appuntamento può stravolgere la scheda della giornata e i ritmi del team.
Ogni mattina ogni Donnavventura deve inoltre indossare l’abbigliamento concordato la sera precedente, uniformandosi al gruppo. Ciascuna ragazza deve avere sempre con sé, legata al proprio marsupio, una radio (carica) per poter comunicare con le altre componenti della squadra.
All’interno del team vengono assegnati specifici incarichi in base alle aspirazioni e propensioni di ciascuna Donnavventura: durante la spedizione infatti tutte devono cooperare cercando di eseguire al meglio le proprie mansioni, in un periodico interscambio con le altre compagne di spedizione.
Entrando nello specifico ecco i compiti giornalieri della squadra di Donnavventura: guida e manutenzione delle vetture Mitsubishi, gestione cambusa sia durante gli spostamenti on the road che negli alberghi e ristoranti, gestione shooting fotografici e audio-video con relativo scarico, pulito, smistamento e salvataggio negli hard disk esterni, stesura del time code, diario tecnico e romantico, guida alberghi e ristoranti, gestione dei social, stesura itinerario, scrittura reportage e manutenzione, cura e formattazione delle macchine fotografiche e delle telecamere con relativi porta brace ( tutta la strumentazione deve sempre avere batterie cariche e una schede di memoria pronte all’uso).
Oltre all’esecuzione dei vari compiti assegnati, una Donnavventura deve avere infine un adeguato codice comportamentale. Ogni ragazza deve prendersi cura della propria igiene personale, mantenere scarpe e uniformi sempre pulite, truccarsi in maniera naturale e contenuta, non prendere mai iniziativa interferendo col gruppo, aver ben presente galateo e bon ton in ristoranti e alberghi, portare avanti uno spirito collaborativo e di squadra ( non è ammesso spirito di competizione durante la spedizione) e soprattutto in caso di malattia o imprevisto comunicare tempestivamente l’accaduto al capo spedizione.
Alla squadra di Donnavventura è inoltre severamente vietato fumare, assumere sostanze alcoliche e utilizzare smartphone o tablet personali durante tutta la durata del viaggio.
Una Donnavventura deve infine mantenere, pur essendo consapevole dei serrati ritmi di lavoro che la spedizione impone, un’attitudine attiva, positiva e grintosa nei confronti delle proprie compagne e del viaggio in sé: una Donnavventura infatti non si deve scoraggiare dinanzi a sconfitte o imprevisti quotidiani, ma deve andare avanti godendosi appieno tutte le tappe del viaggio, cercando di mettersi sempre in gioco, con prove fisiche e di problem solving , accrescendo così il proprio bagaglio culturale nell’interazione e nel rispetto del gruppo e delle persone del luogo.

SAVERIA





Scroll