1A CLASSE - ALVIERO MARTINIRICOLARTL 102.5HOTELPLANMITSUBISHISHISEIDOAITRTOURING CLUB ITALIANOESERCITO ITALIANO

CONDIVIDI

 

VITA A BORDO DEL CATAMARANO

Il dolce movimento del mare accompagna il risveglio delle nostre Donnavventura stamattina che, cullate dalle onde, danno inizio al loro secondo giorno in catamarano. Ana e Paola, le più mattutine, hanno già preparato il tavolo per la colazione, nella dinette esterna. Yogurt, cereali e tisana Ricola per iniziare al meglio la giornata. Purtroppo il tempo non è dei migliori, la pioggia accompagna anche questa seconda giornata, quindi niente protezione solare per oggi, ma solo un po’ di crema idratante. Ana, aiutata dallo skipper Laurent, aziona il motore del catamarano e si avvicina un po’ meglio all’isola di Taha’a nonché al “giardino dei coralli”, una zona tra due atolli dove l’acqua è molto bassa e vi si può camminare ammirando la bellezza dei coralli, come un vero e proprio giardino, alla ricerca di uno sprazzo di sole. Una volta raggiunta la posizione, il team sale a bordo del tender e va all’esplorazione delle isolette coperte da palme e vegetazione rigogliosa: un quadro molto suggestivo perché totalmente selvaggio e disabitato. Ogni tanto si vede qualche pescatore in canoa, solitario, che con un gran sorriso saluta le ragazze. Più tardi il team fa ritorno sul catamarano, ad eccezione di Michi e Ana che, ormai bagnate dall’escursione, decidono di tuffarsi nuovamente in mare e rilassarsi guardando il cielo. Ecco che, finalmente, il sole fa capolino tra le nuvole e il gruppo coglie l’occasione per disporsi sulla parte più alta dell’imbarcazione e spalmarsi la protezione Shiseido: quando il sole si fa vedere bisogna fare attenzione perché qui in Polinesia scotta sul serio. Il catamarano riparte e le ragazze possono ammirare ora i colori dell’oceano molto più brillanti. Il mare è veramente uno spettacolo: l’acqua, limpida e di un azzurro turchese, si incontra in alcuni punti con tonalità dal blu più intenso o dal verde marino. Una vera e propria cartolina Più tardi il team si ferma e decide di risalire a bordo del tender per ammirare da più vicino quest’acqua così cristallina e avvistare, magari, qualche pesciolino. Purtroppo il brutto tempo non dà tregua e poco dopo ricomincia a piovigginare; d’altronde è Novembre ed è iniziata da poco la stagione delle piogge. Ana aiuta Laurent a salpare, collaborando con lui per la salita dell’ancora, per fare retro-front e tornare a Raiatea, più precisamente a Utorea, alla marina dalla quale il catamarano e le ragazze sono partite. Michi, aiutata dallo skipper, prova a navigare l’imbarcazione verso sud e il team si rilassa prendendo quel poco sole che ogni tanto spunta, timido, e scattando fotografie. Ecco che verso le cinque, prima del tramonto, le Donnavventura raggiungono il loro “capo-base” e attraggano alla marina: passeranno qui, infatti, la seconda notte, un punto più riparato in caso di temporale e di mare molto mosso.

Michela

 
Scroll